Koji secco di orzo 500g

https://www.nesler.it/web/image/product.template/865/image_1920?unique=d3460f2

22,00 € 22.0 EUR 22,00 € IVA inclusa

20,00 € IVA inclusa

Not Available For Sale

    Questa combinazione non esiste.

    Terms and Conditions
    Garanzia di rimborso di 30 giorni
    Spedizione: entro 5 giorni lavorativi

    Koji di orzo – secco

    NON PASTORIZZATO

    Se il prodotto non è disponibile, puoi ordinarcelo via e-mail con un certo anticipo, grazie.
    Scrivere a ordini@nesler.it

    Prodotto destinato all’uso da parte di persone competenti.

    Il Koji di orzo della Nesler è prodotto utilizzando esclusivamente orzo italiano e spore di Aspergillus oryzae. Tutta la lavorazione viene fatta in modo artigianale in azienda.

    Il koji è un cereale arricchito di enzimi e aromi, grazie all’azione di uno specifico micelio, chiamato koji-kin in giapponese. Si utilizza generalmente come ingrediente per la produzione di miso, shio-koji e altri insaporitori. Il koji (generalmente di riso) è anche la base per la produzione di sake e amazake.  Nella cucina creativa contemporanea il koji trova sempre più spazio come ingrediente e viene spesso utilizzato in modo non convenzionale. Questo koji è stato essiccato dopo la fermentazione, per cui è necessario tenere conto della differenza di peso tra koji fresco e koji secco, quando si applicano le dosi di una ricetta. 500 g di koji secco corrispondono a circa 900 g di koji fresco. Per produrre 500 g di koji secco ci vogliono circa 600 g di cereale. Come tutti i prodotti della Nesler, il koji non è pastorizzato, per cui va conservato in frigorifero.

    Ingredienti: orzo perlato, spore di Aspergillus oryzae

    Conservare possibilmente in frigorifero.

    Dichiarazione nutrizionale per 100 g (in grammi):
    val. energetico: 319 kcal; grassi: 1,4; grassi saturi: 0,29; carboidrati: 60,5; zuccheri: 10,4; proteine: 10,4; sale: 0.

    Prodotto da:
    Nesler società semplice agricola
    strada Sterpaio snc
    Viterbo (VT)

     

    Il Koji nasce dall’azione del micelio dell’Aspergillus oryzae, il fungo che trasforma i cereali in koji. Si tratta di un processo microbico paragonabile, per certi versi, alla maltizzazione, perché attraverso l’azione di microbi si ottiene l’arricchimento del cereale di enzimi, similmente a quello che si ottiene con la geminazione nel caso della produzione del malto. Il koji ha un profumo delizioso e inebriante, che si mantiene in parte anche nel prodotto essiccato. Gli enzimi proteasi contenuti nel cereale possono contribuire a far sviluppare il gusto umami grazie alla loro azione proteolitica, mentre le amilasi possono idrolizzare gli amidi, trasformandoli in zuccheri semplici.

    Nella pratica, dopo aver cotto a vapore il cereale, lo si raffredda, inocula con le spore di A. oryzae e si lascia fermentare a temperatura e umidità controllate per 24-48 ore. Al termine della fase fermentativa, si passa all’essiccazione. Il koji può presentare delle parti di colore da giallo-verde a verde-oliva che rappresentano punti di avvio della sporulazione. Questo è del tutto normale.

    Utilizziamo esclusivamente materie prime locali, selezionate e controllate. Non facciamo uso di soia, né di prodotti contenenti OGM o prodotti chimici di sintesi. 
    Indichiamo sempre nelle schede e in etichetta tutti gli ingredienti utilizzati, senza esclusioni.

    Il nostro modo di intendere il “locale” tiene conto del clima e degli spostamenti reali che facciamo. Cerchiamo di stringere rapporti di collaborazione con gli agricoltori più coscienziosi della zona. La cosa che preferiamo in assoluto è produrre noi stessi le materie prime.
    Quello che conta di più per noi è un alto livello di rispetto della Terra e dell’Uomo e alti livelli qualitativi della materia prima.
    Preferiamo la qualità al concetto astratto di “locale”, preferiamo conoscere i fornitori, preferiamo sforzarci per la qualità, che accettare passivamente delle etichette. Preferiamo il piccolo al grande produttore e… siamo realistici. Il compromesso a volte è fare più strada, piuttosto che abbassare il livello qualitativo. Il nostro “locale” è un “locale relativo” che ci fa usare sale integrale di Sicilia, piselli toscani, cereali della Tuscia, nocciole biologiche coltivate a pochi chilometri dal nostro laboratorio, e così via.